Tag

, , , , ,

questi sogni sono stati talmente pazzeschi, e talmente evidenti nel loro significato, che non potevo non condividerli con voi…

Andrò ad intitolare il primo come “il sogno della marmotta” (e spero capirete il motivo, altrimenti chiedete!), si è svolto nel seguente modo:

ero a casa del mio compagno, era notte, mia figlia dormiva nell’altra stanza. Sapevo che di lì a poco sarebbe arrivata l’alba, pertanto mi alzavo per chiudere tutte le tapparelle in modo che la luce non desse fastidio a nessuno. Tornavo a letto, e poco dopo il mio compagno si alzava e andava a riaprire tutte le tapparelle. Nel sogno, mi svegliavo e dicevo ad M “sai che ho fatto un sogno strano… ho sognato che chiudevo le tapparelle e che tu le riaprivi”. Dopodichè, sempre nel sogno, mi riaddormentavo e quando mi svegliavo era di nuovo lo stesso momento “prima dell’alba”. Mi alzavo per chiudere le tapparelle, tornavo a letto a dormire, il mio compagno si alzava e le andava a chiudere. Nel sogno mi svegliavo e raccontavo ad M di aver sognato che chiudevo le tapparelle e che lui le riapriva. Poi mi riaddormentavo (sempre nel sogno) e… indovinate? Nel sogno mi svegliavo ed era di nuovo “prima dell’alba”. E così via…
Insomma, credo di aver fatto questo stesso sogno-nel-sogno perlomeno cinque o sei volte. Al punto che quando mi sono svegliata REALMENTE, non capivo più dov’ero e se queste ca**o di tapparelle fossero chiuse o aperte!!!!! :DD

Ora, non credo ci voglia una psicologa per interpretare questo sogno… la finestra aperta che fa entrare il freddo può indicare facilmente delusione e dolore provato per qualche cosa che non è andata come speravo, volevo aprirmi nel rapporto con un’altra persona e sono rimasta delusa. Così decido di “chiudere” per non rimanere delusa nuovamente (è palese che il chiudere le finestre sia “un tentativo di isolarsi dall’esterno, vissuto come fonte di pericoli”), ma ecco che arriva lui a riaprirle, a prendersi quasi “con forza” una seconda opportunità per rimediare, a costringermi a fidarmi nuovamente?
In ogni caso, al di là dell’angosciante ripetitività delle azioni (forse proprio perchè ci siamo mollati e ripresi più volte?), il sogno non era angosciante… più che altro, una seccatura. Ma mia figlia ha dormito angelica durante tutto il sogno, pertanto non vedo alcuna minaccia anzi molta tranquillità…
O magari, il chiudere le finestre stava proprio a voler difendere lei, a chiuderla dentro in modo che il mondo non la tocchi? Ed M che mi sprona a non rinchiuderla, ma lasciarla vivere liberamente la propria vita?

Passo al secondo sogno, al quale non dò titolo tanto si titola da sè.
Unica premessa: io sono aracnofobica. Ma tanto tanto, intendo. Sappiatelo!
Nel sogno, accompagnavo mia figlia a casa di suo padre. Salivo al piano superiore (tante, tantissime scale, quasi a chiocchiola, strette alte e lunghissime) dove c’erano le camere da letto, mi guardavo in giro e mi accorgevo che erano piene di ragni al soffitto. E più guardavo, più ragni vedevo… ovviamente mi mettevo ad urlare e correvo via dicendo a lui che doveva pulire al più presto altrimenti non gli avrei più lasciato la bambina.

E anche qua, direi che la simbologia è evidente… lasciare la bimba dal padre lo vedo come un pericolo, come una situazione di disagio. Poco da aggiungere e se volete, leggetevi il prossimo post (protetto, ma potete scrivermi per avere la password) per capire il motivo di questo sogno!

Annunci