A ridaje. Altro sabato con postumi da venerdì, ancora in casa, ancora la vodka, ancora la malinconia.
Ma le differenze, le differenze!
Prima, importante:ieri sera ero terrorizzata all’idea di esagerare con gli alcolici. Volevo godermi la mia festa di compleanno, volevo godere la compagnia di amiche splendide che frequento troppo poco, volevo ricordarmi i dialoghi, gli abbracci, le promesse. Ce l’ho fatta, ho bevuto ovviamente tanto ma regolandomi con le mie misure, no superalcolici, alternare bicchiere di vino con bicchiere di acqua e così via. Ottimo. I postumi sono dovuti all’essere andata a dormire alle 2, che ci ho un’età che non me lo consente più, o che quantomeno poi me la fa pagare.
Differenza numero due: oggi ho mia figlia. Che in realtà non c’è l’ho, visto che è fuori ad una festa in parrocchia con un’amica (e i genitori di lei). Tornerà alle 23, io sarò uno straccio di stanchezza, ma non ho intenzione di farmi trovare ubriaca quindi ok la vodka, ma questo bicchierino da fine pasto e stop.
Ho la mia sigaretta elettronica a zero nicotina, ma non fumo neppure quella, l’intenzione é di usarla tipo ieri sera, quando vado fuori con le amiche che fumano, per mantenere la gestualità della sigaretta, l’idea della compagnia, non so spiegarlo, chi fuma mi capirà. Ma delle sigarette non mi manca proprio nulla, anzi ieri sera mi dava fastidio l’odore, e si avevo bevuto, avrei dovuto averne voglia, invece niente, anzi noia e fastidio. Ottimo.
Infine, sento sempre il mondo fuori che si diverte, è sabato, del resto.
Ma stasera non li invidio, anzi invidio me stessa, qua a casa in tuta sul divano, in silenzio, in relax, a giocare e leggere indisturbata, aspettando che la mia bimba quasi grande rientri dalla sua prima serata fuori casa senza di me.
Penso che la mia differenza, questa sera, é che sento non mi manca nulla.

Annunci