Voglio di nuovo tediarvi con la mia ricerca casa, che ormai mi occupa gran parte del tempo libero.
Accantonata definitivamente l’ipotesi villetta con i miei, sono orientata al banale appartamento in città, restando nel mio quartiere, che ci sto così bene!
La scelta ricade ora tra due diversissime tipologie di appartamento, che ora vi descrivo così mi dite i vostri pareri (se vi va)

ipotesi 1: appartamento “come si deve”. Trattasi di appartamento di metratura enorme, parliamo di 140mq, con balcone grande (non terrazzino, ma comunque due seggiole ci stanno), salone con camino, cucina abitabile, due bagni, tre camere da letto matrimoniali e uno studio. Per avere questo appartamento devo aprire un mutuo che mi costerà tanto quanto pago ora di affitto (probabilmente anche meno, quindi ci sta), sperando di vendere prima o poi la casa del nonno e chiudere anche questo mutuo. Direi che questo appartamento si avvicina tanto a “casa dei sogni”, posizione fantastica, vicinato ottimo, e così via. Due piani sotto di noi abita una compagna di mia figlia, che ovviamente è già in fibrillazione solo all’idea. MA (ovvio che c’è un ma, sennò mica ci scrivevo un post) ha spese condominiali alte. Mi troverei a pagare 250 euro al mese, per sempre, solo di spese condominiali (riscaldamento incluso, per carità). Mica cotiche. Sono un paccasso di soldi.
Però entro il 2015 mettono i termoregolatori individuali, quindi pagherei meno per il riscaldamento, visto che comunque io a casa ci sono dalle 8 di sera alle 8 di mattina e nei weekend….

ipotesi 2: appartamento “come già sono”, trattasi di appartamento 90mq tanto quanto quello in cui ora attualmente vivo, bel balcone grande (come sopra), cucina, sala, due camere da letto, due bagni. Per avere questo appartamento, non devo fare mutuo. Significa da subito non pagare più nè affitto nè mutuo, mi rimangono le spese condominiali (80 euro al mese, senza riscaldamento) e le bollette. MA (e siamo sempre al MA), è ovvio che con la casa sopra non ha nulla a che vedere. E’ un ripiego, non certo la “casa dei sogni”. Un bel ripiego, per carità, considerando che ora vivo con gli scarafaggi (e si sta per rompere l’ennesima tapparella……). Certo che non dover pagare più affitto nè mutuo… eh una certa gola la fa.

La mamma (che sgancia il grano e come tale mette parola fine alla scelta) ha detto che si rifiuta di finanziarmi un ripiego. Che se deve darmi i soldi, esige che sia una casa “dei sogni”. Sabato andremo a rivedere l’appartamento dell’ipotesi numero 1, tanto per farci un’idea più concreta. Io l’appartamento 1 già me lo sto arredando, mentalmente. Avrei la mia stanza biblioteca, che sogno da sempre… e sì, soldi in meno in tasca, ma volete mettere la stanza biblioteca?!
Insomma, gira e gira, mi sa che alla fine mi faccio fregare dalla 1.
La speranza è l’ultima a morire… e io spero che si concluda anche la vicenda della casa di M, che se chiudessimo quella, con due stipendi pieni in casa le spese condominiali ci farebbero un baffo. E siccome sono una inguaribile ottimista, mi piacerebbe provare l’ebrezza di “fare il passo più lungo della gamba” e provare l’avventura di “casa dei sogni”.
Come si suol dire…. stay tuned!

Annunci