Primo sabato sera in casa da sola, da… Da quando? Direi da tutta la mia vita dall’adolescenza in avanti. Mica robetta.
Mia figlia è da padre, M è uscito a cena per la prima volta senza di me, in 5 anni. Temo terremoti e ripercussioni idrogeologiche, un evento irripetibile! Lo hanno coinvolto in una cena delle scuole medie, con gente che non vede da 25 anni, era contento di andare, non voleva perdersela.
Ha provato a convincermi ad andare con lui, ha provato a farmi costringerlo a rimanere a casa! Giammai… Vai, vai… E vai! Per una volta che non mi fai da cozza, e vai!!! Poi penso ai miliardi di donne che si lamentano di non avere l’uomo presente nelle loro vite, allora non mi lamento del mio uomo cozza. Però dai, per una volta, fatemi godere lo starmene da sola!
Perché io ho scelto di rimanere a casa. Sola. Silenzio.
Avrei potuto uscire, andare a ballare, andare a trovare amiche, ma ho proprio voglia di una serata così. Io e me. Un libro. Un film.
Avere una splendida famiglia non dispensa dal desiderio di ritagliarsi spazio per stare da soli… Soprattutto quando non capita mai!
Ora mi rimane da selezionare un film strappalacrime, versarmi una vodka… Anzi due… Ingozzarmi di cioccolatini… E sferruzzare a maglia. Voglio un sabato sera da ultra novantenne. E così sia 🙂

Annunci