Soffro di male alla schiena da tempo immemore, dopo la nascita di mia figlia ero peggiorata al punto che non riuscivo quasi a camminare. Mi ero affidata alle mani di un osteopata, per provare ad evitare o perlomeno limitare i farmaci che stavo usando e che avrebbero… “steso una vacca”, se rendo l’idea!
Dopo quattro mesi di osteopata, quattro mesi di dolori lancinanti, di discussioni infinite con *ex marito* che mi diceva che stavo buttando soldi, e io a spiegargli che l’osteopata mi aveva garantito risultati non prima di sei mesi, e che ormai che avevo iniziato tanto valeva andare avanti e finire il percorso, e intanto stavo malissimo e faticavo a camminare, insomma, dopo questi quattro mesi una mattina mi sono svegliata (o bella ciao…) e non vi riuscirei mai a descrivere lo stupore di svegliarmi e non esser bloccata. Riuscire a scendere dal letto “come una persona normale” e non trascinandomi la gamba e alzandomi di traverso. Riuscire ad alzarmi in piedi ed essere subito dritta, e non più gobbo di notre dame per almeno 10 minuti.
L’osteopata sapeva il fatto suo, non c’è che dire. Mai soldi spesi meglio in vita mia!
Da allora (e gli anni sono 9 ormai) ho fatto seguire un periodo di sedute a scalare gradualmente. Dapprima una ogni tre mesi, poi una ogni quattro, e così via… fino ad arrivare a una seduta “quando ne sento il bisogno”.
Settimana scorsa, dopo un mesetto di dolori in crescendo, mi sono decisa a chiamare e prendere appuntamento. Fissato per ieri sera.
Non vi dico il mio stupore quando lui mi ha detto che non andavo da ben 18 mesi!!! Pensavo fosse passato un anno, invece era ben di più… Fantastico, un miglioramento incredibile!
E ieri dunque, sono andata a farmi dare “una registrata”.
Quando mi mette le mani addosso, dopo poche ore mi sento come se fossi stata travolta da un treno. Ho dolori ovunque, le ossa distrutte, non riesco a muovermi, mi sento la febbre alta, una tragedia. Il giorno dopo va leggermente meglio, ma ancora dolori ovunque. Dopo due giorni, inizio a sentirmi bene e via via sempre meglio, ed i dolori che avevo prima della seduta, scomparsi.
Ecco, oggi sono ancora nelle prime 24 ore e sto di mer*a. Sto impazzendo alla scrivania e non vedo l’ora di andare a casa a coricarmi. Attendo fiduciosa che sia domani!
Ieri sera ero così conciata che non riuscivo a fare nulla. E siccome non capita mai (sono iperattiva anche quando sto male), ho visto il mio compagno e mia figlia in panico totale. Che fare? Dopo il primo attimo di smarrimento, si sono messi all’opera. Chi apparecchiava, chi preparava cena, chi svuotava la lavastoviglie, chi metteva via la spesa, uno spettacolo a guardarli. Due formichine operose!!!
Mi sono sentita in colpa da matti, ma non avrei potuto fare altrimenti che lasciare fossero loro a lavorare, per la prima volta in N (numero imprecisato ma tendente all’infinito) di anni.
E guardandoli lavorare, sentivo la loro preoccupazione per me che stavo così male, li vedevo prendersi cura di me con amore, e ho sentito forte come non mai il profumo di questa famiglia bislacca e tormentata, ma vera come non mai.

Annunci