Che settimana pesante. Mia figlia ammalata, mia mamma in ospedale, io sono a casa dall’ufficio e lavoro da casa, per prendermi cura di mia figlia che ha un febbrone da cavallo.
Da un lato è splendido, sto con mia figlia, lavoro con tempi più rilassati, i clienti non mi scocciano al telefono ma li richiamo io se e quando ho voglia e tempo.
Dall’altro lato, una noia infinita.
Lavorare da sola è bello come resa (rendo il doppio o quasi!), ma da sola… non una battuta, non un commento, faccio pausa caffè mentre stendo i panni dalla lavatrice, mia figlia che mi chiama ogni minuto e mi richiede attenzioni che non posso darle… Paradossalmente, in ufficio cazzeggio molti di più, qua a casa ho il senso del dovere, il dimostrare che si possono fidare di me, che non mi approfitto della fiducia della ditta, che lavoro sul serio.
Sarà una settimana lunghissima… la mia massima via di fuga è uscire dieci minuti a prendere il latte! Anzi, adesso mi dò una botta di vita e scendo a buttare l’umido.
Uscirò da questa settimana devastata :/

Annunci