La casa, la casa, l’appartamento per cui ho fatto la prima, l’unica, la sola offerta di acquisto dopo un anno e direi circa 25 case visitate, almeno 250 considerate via internet e così via.
Entriamo nella fase di attacco, io offro 200, loro vogliono 240, io so già che meno di 210 è impossibile, non perché io sia veggente, ma per quanto sono matematica inside: tre fratelli = 70mila a testa, cifra tonda, piace di più, potrebbe anche piacere tanto.
Litigo a casa, sono una pazza, non posso accettare 210, più di 200 non ha senso, mando affanculo tutti, lo so che mi sono fissata, ma la voglio.
Lo scorso weekend, quando il “vivace” vicino del piano di sopra ha dato mostra delle sue capacità “artistiche” (?) dalle 2 alle 5 del mattino, ininterrottamente, sia venerdì che sabato che domenica, ecco io vi giuro, vi giuro, si fossero presentati i tre proprietari della casa a chiedermene 300mila, firmavo il contratto seduta stante!
Voglio il MIO attico. Con il MIO terrazzone, e vivrò con un bagno invece che i due che sognavo, e vivrò senza biblioteca personale, ma caxxo, avrò una signora cucina e un salone con camino e vivremo per sempre, felici e contenti.
Non finiscono tutte così, in fondo?

Annunci