Che capitano un volta ogni mia, di queste serate alternative, ma capitano, e ci si dice che in fondo, a proprio voler trovare un senso a questa vita, tanto vale cercarlo in serate come questa.

Che si inizia già incaxxati, dopo 8 ore di lavoro ininterrotte, un giovane coglione che in questo periodo non ti caga e non capisci il motivo visto che anzi, proprio in questo periodo, tra abbronzatura e caldo e minigonne e scollature da arresto, insomma, ti ci senti che sei una figa da urlo,e lui niente, e tu ancora più figa per contrastare il niente, ma niente, insomma.

 Ed esci da lavoro già infastidita, e hai da fare giri per la casa per il camino, e chi lo sa se ci vorrai il camino, se. Basterà una stufa, non lo sai, e sei tanto stanca,  ed hai un compagno che parla parla parla parla e pensi che dopo dovrai pure cucinare ma non ce la puoi fare.

Lasci che sia lui a proporre una cena fuori, dirotti senza sospetti la conversazione verso il ristorante in cui desideri andare da mesi, il gioco ti riesce bene, e la cena prosegue senza intoppi e con gran soddisfazione del pancino che ingurgita a furor di popolo.

Ti riesce bene anche il dopocena, che ormai ti eri fissata con la festa al bar del sexy, che tanto lo sai già che non ha senso andare col moroso ma vuoi andare, e vai, e ti ritrovi alla cassa ad ordinare birra ed il sexy che ti punta e tu che elegantemente (fessamente, siamo qua apposta!) presenti il moroso al sexy e viceversa, e ti senti pure furba ed elegante mentre lo fai.

Il moroso si annoia perché non conosce nessuno al bar, tu ti annoi perché ti senti in colpa a lasciarlo da solo pertanto parli solo con lui, tanto vale andare a casa, finiamo la birra (ottima, perlomeno) e finiamo i 5 passi che ci sperano a casa, un orario in cui la gente della nostra età normalmente esce a cena, noi si torna a casa.

 Ho messo un po’ di muso, non mi va di finire così, non mi sento vecchia, al bar c era mezza città, era una gran serata di festa, un po’ (e non poco) mi secca dover tornare a casa per quel musone di M.

Ma poi la vita prende una Piega non prevista, varcata la soglia di casa M si risveglia e mi regala una delle serate di sexo allo stato puro, di quelle che sogno nei miei sogni osé, e lui questa sera se ne inventa una tutta per me, senza sapere quanto, senza sapere come, capitano quelle volte in cui chi ti ama ti legge dentro e non serve altro, e questa sera non ho bisogno di altro, forse tanto buon sonno dopo tutto il resto, ora sono decisamente provata pure io dalla stanchezza.

Questo post per ricordarmi che sono una cogliona, io, il sexy, il giovane, le paranoie, la stanchezza e la vodka pure.

Che quando ti vengono regalate serate come questa, se solo osi lamentanti della tua vita, non sei fessa. Se una totale imbecille!

Annunci