…e lo so, che non dovrei scriverlo, ma anno funesto, ecco.

iniziato di merda, tanto quanto è finito meravigliosamente il 2015, con una settimana intera a godermi la compagnia di mia figlia, così di merda senza di lei è iniziato questo anno che si prospetta di merda e sul quale non ripongo speranza alcuna.

l’ultimo giorno del 2015 ho portato la bimba dal padre, dopodiché mi sono attaccata al prosecco e così sono rimasta fino all’1 di notte quando il povero M mi ha riportato a casa. Per fortuna eravamo da amici e mi hanno tollerato nella mia ubriacatura molesta ma dai, all’ultimo dell’anno ci sta di prendersela un po’ grossa… E via.

primo giorno del 2016 con plateali postumi da sbronza, oltre a crisi di ansia per mancanza di bimba, mi sono svegliata ed ho iniziato a pulire casa in modo maniacale per un paio di ore almeno. Terminato di pulire casa, crisi di ansia da ora che faccio? Convinco M ad andare a trovare i suoi genitori, che di chiacchiere non mancano mai, e mi sono un poco ripresa. Sera a sul divano, bei film, tante coccole, lieta e soddisfacente attività sessuale, sempre gradita, la giornata volge al meglio.

sabato in giro per ipermercati, i mezzo alla gente, cena al ristorante, dopocena nel letto, altra bella giornata.

oggi ritorna l’ansia, mi figlia che la sento alle ore 14 e mi dice che lei è sveglia dalle 11 ma che tutti gli altri ancora dormono, pertanto lei si è fatta da sola colazione si è messa a fare i compiti, sono le 14 ed ha fame e vorrebbe pranzare ma non sa come fare.

inutile dire che telefono immediatamente a suo padre, ho troppa voglia di vederla, mi manca terribilmente, ho bisogno di vedere mia figlia nel pomeriggio per almeno un paio di ore…

E così, per mia fortuna, riesco a stare con mia figlia un paio di ore… E adesso l’ho riportata da lui, augurandomi di riaverla il 6 pomeriggio, sono felice, non mi basta ma me lo faccio bastare, del resto a noi mamme separate non rimangono tante alternative se non elemosinare minuti…

cosa c’è quindi in questo anno bisesto?

c’è un Generale che sta di merda, che va sempre peggio e non si vede via di uscita se non questo infinito calvario che non so, giuro, come fa a sopportare tutto questo e continuare a reggere. Non so. Giuro.

e temo perda la voglia di lottare, tremo che le vengano meno le energie, mi fa paura questo anno. Lo salterei a piedi pari, se potessi.

ma sono qua, e sono sempre e comunque positiva, e mi aggrappo ai sogni delle vacanze, sognando il mare del Salento, organizzando un mega party per il compleanno di mia figlia, e avanti un giorno dopo l’altro, e chissà questo anno come sarà.

comunque vada, sarà.

Annunci