Sì, lo sapete già, a me le coincidenze piacciono!
Ad ottobre dello scorso anno, avevo scritto questo post.
Oggi si stanno continuando a verificare questioni importanti che sanciscono in modo inequivocabile una svolta. Qualcosa si muove, qualcosa cambia. Ho perso mia madre, è già questo è un cambiamento radicale nella mia esistenza. Fra pochi giorni mia figlia terminerà la quinta elementare. E anche questo non è certo poco…
Domani avremo un altro importantissimo traguardo, ma lo scrivo domani perché sì, sono schifosamente scaramantica!
E no, non sono incinta. Così, ci starebbe quasi bene pure questo, ma no, niente gravidanza.
Piuttosto, è successo che oggi il mio amato collega giovane ha rassegnato le dimissioni, già da un anno ormai la ditta per cui lavoro è in evidente declino, queste sue dimissioni potrebbero accelerare la dipartita dell’attività lavorativa. Io vedo una chiusura entro la fine di quest’anno.
Ho deciso di non pensarci. Mando in giro qualche curriculum ogni tanto, ma non vengo mai richiamata, ho un’età difficile, tantissima esperienza ma su ambienti datati, in più sono donna, che nel settore faccio la mosca bianca. Ad oggi, nessun contatto.
Scelgo di farmi le ferie senza pensarci, se la ditta chiuderà avrò comunque la disoccupazione pagata per un po’ di tempo, durante il quale sarò più libera di cercare lavoro… e la mobilità, che sicuramente agevolerebbe il mio curriculum durante la ricerca!
Pertanto, fino a questa eventuale chiusura dell’azienda, rimango a scaldare la scrivania ed intascare lo stipendio garantito… poi ci penserò. Non oggi. Più avanti. A fine anno. Ecco.
Tornando alle questioni “coincidenze”: fra tre settimane partiremo per un viaggio in Salento. Sono mesi che lo sogno e lo pianifico, e non avete idea di quanti intoppi ci siano stati… trovare un periodo che andasse bene a tutti, programmare le date con precisione certosina per incastrare anche le esigenze di *ex marito* nei confronti della bimba, farci stare pure una vacanza al mare per nonno-bimba, e le ferie mie e di M, insomma, un casino che non vi dico. Con tutti questi intoppi, tutti questi venti negativi contro questo viaggio, per come sono fatta io avrei dovuto rinunciare. Per la scaramanzia, se tutto quanto si oppone al mio viaggio, direi “questo viaggio non s’ha da fare”!
Invece, non so perché, questa volta mi ci sono incaponita. Io questo viaggio lo voglio fare. Punto. A dispetto di tutto e di tutti, noi partiremo.
E allora di scaramanzia non mi rimane che scriverlo qua, che se questa vacanza sarà un disastro, ecco io me la sono andata proprio a cercare.
Per tutto il resto… chi vivrà, vedrà!

Annunci