E’ un anno ormai che giriamo agenzie immobiliari del quartiere per cercare un bilocale, l’intenzione è acquistarlo per togliere i miei suoceri dall’affitto che stanno pagando: investiamo i nostri risparmi che coprono buona parte della spesa, loro pagano la rata del mutuo (molto inferiore all’affitto) e a noi rimane l’investimento immobiliare. Non abbiamo fretta, importante trovare un bel bilocale, il quartiere è di per se una garanzia di investimento. Ne abbiamo visti tanti, ad uno abbiamo fatto offerta non accettata…
Il giorno in cui ho firmato il contratto con la nuova azienda con cui lavorerò a breve, mi ha chiamato l’agente immobiliare per propormi un nuovo bilocale, quello giusto, mi dice, e avendone visti almeno dieci con lui, so che sa bene cosa stiamo cercando. Fissiamo per vederlo due giorni dopo e dopo la visita facciamo subito offerta perché si, è IL bilocale che stiamo cercando. È a fianco casa nostra, palazzina piccola, bel parco condominiale, 70mq, termoautonomo, garage, ristrutturato nuovo, posto auto. Posto auto lo sottolineo, avendo appena accettato un lavoro in cui mi danno fissa macchina aziendale che non avrei saputo dove mettere, essendo questa zona di righe blu.. cade a puntino a dire poco!
Poi sapete che mi piace vedere segni ovunque, ma ci sono tante di quelle piccole cose, il notaio, il palazzo, il parco e tanto tanto altro… ma vabbé, mi piace pensare sia così, un risarcimento al primo vero anniversario dalla morte di mia madre, visto che è mancata in anno bisestile, nel giorno che non esiste, quattro anni fa.
Come scrivevo, questo “venti venti” è partito troppo veloce e non riesco ancora a stargli al passo, fra pochi giorni operano mia suocera togliendole un pezzo di polmone, non sono cose piccole da associare all’anniversario di cui sopra, insomma, non è semplice.
Però ho anche mia figlia che ha finito il primo quadrimestre di liceo scientifico Cambridge con la media dell’otto e non ho altro da aggiungere… si va avanti, avanti, avanti!! Le marce le ho ingranate giuste… speriamo di non andare a sbattere contro un muro 🙂