E prima o poi doveva pur accadere, anzi già fin tardi, il primo batticuore della mia bambina. Sto ragazzetto dei giochi di ruolo (e non avevamo dubbi ) di cui nominava in continuazione durante il viaggio in Andalusia (del genere… “ma ti piace?” “ma no mamma, non mi piace, è basso!”… però intanto nominato venti volte al giorno)

Poi c’è stato il weekend intero ai giochi di ruolo dal vivo, poi arriva l’invito ad uscire da soli per un cinema… Mi racconta che erano tanto vicini a parlottarsi nell’orecchio, le dico che magari lui non ci prova perché la vede come una sorellina, lei mi dice “insomma, lasciami almeno sognare” e io perplessa le chiedo “ma allora ti piace!?” e lei boh, non so, mah…

Penso siano dolcissimi, lui è oggettivamente troppo grande, un universitario di 24 anni! Ma sfigatello e sembra pure bravino. La vede come una sorellina ma lei è anche tanto più matura della sua età. Ed è bellina (non lo dico da mamma, altrimenti avrei scritto che è la più bella del mondo) e intelligente e tanto simpatica, oltre alla passione in comune per i giochi di ruolo che la fa da padrona. Lei dal canto suo, manca poco ai 18 anni, non se l’è quasi mai filata nessuno, ora le attenzioni di questo universitario che la viene a prendere a casa in macchina…. Eh, ciao, insomma, come resistere?

Ho parlato con *ex marito* che pensavo avrebbe fatto da freno e invece l’ho scoperto più entusiasta di me, quasi commosso. Avevo timore di dover discutere e invece. Ma pensa un po’, mi fa piacere che pure lui sia comunque contento (preoccupati certo, ma con fiducia nei confronti di nostra figlia che fino ad oggi se l’è sempre meritata anzi guadagnata)

La scuola è quasi al termine e fino ad oggi i voti sono altissimi. Spero che questo non cambi. Di sicuro l’aver cambiato scuola le ha concesso di vivere questa esperienza, tutta questa cosa dei giochi di ruolo non avrebbe potuto esserci altrimenti. Vedi. Che poi alla fine, forse tutto ha cambiato in meglio, anche questa cosa della scuola ha un senso che si incastra con tutto il resto.

Questo post l’ho iniziato giovedì scorso e l’evoluzione è stata talmente rapida che neanche mi ricordavo di aver iniziato a scriverlo… ad oggi si sono scambiati il primo bacio, si vedono ogni giorno, lei pranza e cena da lui quasi con regolarità, la mia ansia va su e giù tipo montagne russe, da un lato la madre apprensiva, dall’altro l’adolescente dentro me che applaude felice questi momenti meravigliosi che non torneranno mai più.

Cercherò di lasciarle vivere questa avventura ma tenendole sempre davanti agli occhi la concretezza. Anche oggi una discussione in cui lei offesa perché non le davo fiducia (le ho chiesto di non tornare a casa tardi stasera) e io le ho risposto che è mio dovere di mamma rimarcarle le cose importanti. Pertanto, anche se lei è brava e sa da sola che deve tornare ad orario decente, io glielo ripeto perché va fatto.

MI SENTO INVECCHIATA DI UN SECOLO NEL GIRO DI POCHE SETTIMANE.